programmi

Catherine_Jones_003_2600x1800

Italian Virtuoso Cellist Composers

with William Carter, theorbo
http://www.linnrecords.com/artist-william-carter.aspx

 

This programme presents some of the most important composers for cello in the 18th century who were also virtuoso cellists themselves. Of particular importance are the Neapolitans who were among the first to liberate the cello from it’s bass line role, paving the way for the instruments blossoming as the lyrical tenor voice it became in the 19th century and later. In this programme we hear the influence of the famous bel canto from Naples and finish with the virtuoso and spanish guitar influenced sonata in A major of Boccherini.

 

Francesco Alborea detto Francischello (1691 – 1739)
Sonata in Re maggiore per violoncello e basso continuo
Amoroso
Allegro
Menuet
9:27

Salvatore Lanzetti (1710 – 1780)
Sonata in La minore per violoncello e bc, n.5 opus 1
Adagio Cantabile
Allegro
Menuet Andante
11:19

Giovanni Girolamo Kapsberger (1580 – 1651)
Suite per tiorba
Toccata
Ballo
Corrente
8:00

Antonio Vivaldi (1678 – 1741)
Sonata in Sol minore per violoncello e bc RV42
Preludio Largo
Allemanda Andante
Sarabanda Largo
Giga Allegro
10:50

Luigi Boccherini (1743 – 1805)
Sonata No 6 in La maggiore per violoncello e bc G4
Adagio 4.23
Allegro 6.13

 

………………………..

 

Boccherini Cirri’s Cello Sonatas

with Enrico Baiano, harpsichord
https://en.wikipedia.org/wiki/Enrico_Baiano

 

A programme of “rococo” italian sonatas which lie on the border between the Baroque and the Classical periods. This music combines classical balance and elegance, with a baroque seriousness and love of ornamentation. Both the composers Cirri and Boccherini lived most of their professional lives away from their mother country, but were equally influenced by their country of choice. In the case of Cirri, by the forward looking musical environment of London in the late 1770’s where the child Mozart was already performing public concerts and Boccherini by the popular guitar influenced music of Madrid. A programme somewhere between serious and light music, which brings to mind the famous Boccherini quote; “If God wanted to speak to man through music, he would do so through Haydn’s works; if, however, He wished to listen to music himself, He would choose the works of Boccherini.” Jean Baptiste Cartier 1798 L’art du violon.

 

Luigi Boccherini (1743 – 1808)
Sonata n.1 per violoncello e basso continuo in La maggiore, G.13
Allegro moderato, Largo, Allegro

L.Boccherini
Sonata n.2 in Do maggiore, G.2
Allegro, Largo, Allegro moderato

Giovanni Battista Cirri (1724 – 1808)
Sonata n.3 in Fa maggiore, Op.15
Allegro spiritoso, Adagio assai, Allegro

 

Antonio Soler (1729 – 1783)
Sonata in do diesis minore R 20 (Andantino)

Sonata in do diesis minore R 2 (Allegro) per clavicembalo solo

G.B.Cirri
Sonata n.4 in La maggiore, Op.15
Allegro spiritoso, Adagio cantabile, Allegro

L.Boccherini
Sonata n.6 in La maggiore, G.4
Affettuoso, Adagio, Allegro

 

………………………..

 

The Venetian Cello

Con Enrico Baiano (cembalo) e William Carter (teorbo)

Il programma dedicato a sonate per violoncello e basso continuo offre repertorio di pieno barocco veneziano con compositori nati tra il 1667 e il 1697, tutti strettamente legati al contesto della Repubblica e alla chiesa principale Antonio Caldara studiò a San Marco come corista e Giovanni Platti venne impiegato come suonatore di violetta. Benedetto Marcello, che non era Cittadino Originario ma Patrizio fece parte del Maggior Consiglio, il massimo organo giudiziario della Repubblica, e naturalmente Antonio Vivaldi che del barocco veneziano e strumentale è esempio più noto. Questi composotori quasi contemporanei ritraggono uno splendido quadro del barocco veneziano al suo momento di massima gloria. Il violoncello in questa prima metà del Settecento si è ormai affrancato dal solo ruolo di strumento di continuo per sviluppare un repertorio di sonate e concerti solistici che ne espandono le capacità di registro e cantabilità. Tutte le sonate in programma presentano la forma caratteristica delle composizioni strumentali veneziani di questo periodo: la forma da Chiesa in quattro movimenti lento
veloce lento veloce.

 

The Venetian Cello
with Enrico Baiano, harpsichord and William Carter, theorbo

This programme is dedicated to sonatas for cello and continuo and offers a repertoire from the golden Venetian baroque period. All the composers for cello on the program me were born between 1667 and 1697 and were strongly affiliated with the Republic of Venice and its main church, San Marco. Antonio Caldara studied as a chorister at San Marco and Giovanni Platti was employed there as a suonatore di violetta. Benedetto Marcello was a lawyer by trade and since he came from one of the most influential families in Venice at that time and was considered Patrizio (a Nobleman) he was admitted to the Maggior Consiglio, the highest court in the Republic.

It goes without saying that an instrumental concert from 18th century Venice must also offer the music of Antonio Vivaldi, the most well-known example of Venetian baroque instrumental music, and of particular importance to the cello repertoire. The continuo group comprises of harpsichord and theorbo. William Carter (theorbo) and Enrico Baiano (harpsichord) are both well known international soloists on their respective instruments and will each perform a solo piece in this programme.
Moving a little outside the dates of the cello sonatas, the composer Galuppi was born on the island of Burano in the Venetian Republic in 1706. He was highly regarded as a virtuoso performer and composer for keyboard instruments.Throughout his career Galuppi held various official positions with charitable and religious institutions in Venice, the most prestigious of which was maestro di coro at the Doge’s chapel, St Mark’s Basilica.
Finally, Kapsberger, who was a famous german/italian lute, theorbo and chitarrone virtuoso and highly original composer for these instruments. He may have been born in Venice, but this cannot be proven. After 1605 he moved to Rome where he quickly attained a reputation as a brilliant virtuoso and made many powerful connections there. The Suite for theorbo in this concert was published in Venice in 1604, Venice being at the time one of the most important centers for music publishing.

All of these composers portray a wonderful and varied picture of the Venetian Baroque, beginning with the earlier but incredibly innovative works of Kapsberger, to the transitional compositions of Galuppi who was also well respected internationally as an operatic composer. The cello sonatas in between these dates outline the most golden period of the Venetian Baroque. The cello in this first half of the eighteenth century is now freed from its
bass line role of the continuo to develop a repertoire of sonatas and solo concertos that expand the range of the instruments tonal register and its previously unexplored lyricism. All the cello sonatas take the characteristic form of instrumental compositions of Venetians in this period: the da chiesa sonata form, in 4 movements (slow fast slow fast).

 

Giovanni Benedetto Platti (1697 -1763)
Sonata in A major
Adagio • Allegro • Largo • Presto 7’30”

Benedetto Marcello (1686 – 1739)
Sonata in F major
Largo • Allegro • Largo • Allegro 9′

Baldassare Galuppi (1706 – 1785)
Sonata in G minor for harpsichord
Largo • Allegro • Allegretto 8′

Antonio Caldara (1670 – 1736)
Sonata in G major (seidicesimi)
Largo • Allegro • Largo • Allegro 7/8′

Interval

Giovanni Girolamo Kapsberger (1580 – 1651)
Suite per Teorba
Toccata – Ballo – Corrente 8′

Giovanni Benedetto Platti (1697 – 1763)
Sonata in G minor
Adagio • Non presto • Largo • Allegro 9′

Antonio Vivaldi (1678 – 1741)
Sonata in A minor RV 43
Largo • Allegro • Largo • Allegro 9’

 

………………………..

 

Capriccio Italiano

Virtuosi Italiani “fuggiti” all’estero: Capricci a violoncello solo di Dall’Abaco, Graziani, Piatti.

Il desiderio (o necessità) di lasciare l’Italia per cercare miglior fortuna all’estero è stato un comune denominatore nella biografia e nella storia artistica di moltissimi musicisti italiani del ‘700 e questa “tradizione “ si è mantenuta ampiamente anche per buona parte dell‘800. Scrittori, pittori, musicisti europei erano piacevolmente obbligati al “Viaggio in Italia” per assorbire anche solo vedendo e visitando le straordinarie bellezze di Roma, Venezia e Napoli ma le risorse economiche e commerciali che permettevano di diffondere, stampare e sostenere le loro opere risiedevano in realtà altrove. Parigi, Londra, Berlino, Bruxelles erano i luoghi dove poesia, teatro e musica venivano più diffusamente pubblicate e dove il mercato era più agile e meno legato al mecenatismo patronale. Ed è in queste città dove i musicisti italiani si trasferivano per dare un impulso alle loro carriere professionali ed è spesso grazie alle biblioteche di queste città che possiamo risalire ai manoscritti di gran parte della musica italiana del secondo Settecento e del repertorio in programma.

Le storie personali e professionali di questi tre compositori riportano la difficoltà di affermarsi come strumentisti concertisti nella propria città e in Italia per venire poi acclamati nelle principali capitali europee. Il caso di Alfredo Piatti è ancora più singolare: lasciata la madrepatria ebbe un fortunatissimo tour europeo da solista che gli fece guadagnare enorme fama ma fu un disastro economico che unito ad altre disavventure lo costrinsero a vendere il suo violoncello. Fu solo grazie a Liszt che, riconosciuta l’eccellenza della sua tecnica, permise a Piatti di avere in prestito un altro bellissimo strumento per poter debuttare con successo a Parigi e così continuare la sua carriera fino alla definitiva affermazione in Inghilterra a partire dal 1844.

Quasi contemporanei invece l’astigiano Carlo Graziani (morto nel 1787) e Giuseppe Maria Clemente Dall’Abaco che nato nel 1710 a Bruxelles era conosciuto anche come Joseph Marie Clèment. Dall’Abaco si potrebbe definire un’immigrato di seconda generazione perchè naqcue all’estero mentre il padre Evaristo Felice era impiegato come musicista presso la corte dell’Elettore di Baviera, Massimiliano II e all’estero svolse gran parte della sua carriera come violoncellista. Infatti anch’egli divenne famoso come solista, cronache di successi lo riportano a Parigi, Londra e Vienna e come Piatti si ritirò in tarda età in Italia. Morì infatti nel 1805 in Valpolicella, vicino alla città d’origine della sua famiglia, Verona.

Il repertorio per violoncello solo comincia a svilupparsi proprio nella seconda metà del‘700 grazie alle composizioni di strumentisti virtuosi compositori mentre per la prima metà del secolo aveva principalmente svolto il ruolo di basso continuo. Le uniche eccezioni sono rappresentate dai Ricercari di Domenico Gabrielli del 1688 ed ovviamente dalle Suites per violoncello solo di J.S.Bach del 1720. Gli 11 Capricci di Giuseppe Maria Dall’Abaco nonostante siano stati oggetto negli ultimi anni di registrazione discografiche anche storicamente documentate non appartengono a pieno titolo al repertorio per violoncello solo ma ne offrono un suo interessante arricchimento. Si tratta di brani piuttosto brevi senza una precisa struttura formale, alcuni molto difficili tecnicamente ed è per questo che Dall’Abaco ha scelto la dicitura “Capricci” che sempre stava ad indicare una composizione virtuosistica per uno strumento solo caratterizzata da un certa libertà formale e da sfoggio di alta tecnica strumentale.

Lo stesso vale per l’unico Capriccio a violoncello solo di Carlo Graziani conservato alla Staatbiblioteck di Berlino; interessante l’indicazione “Allegro ma senza timore”, unico suggerimento indicato nel manoscritto dal compositore. Si stacca di quasi un secolo invece la scrittura di Piatti che vede uno sviluppo enorme della tecnica violoncellistica e della struttura stessa dello strumento.

I 12 Capricci op.25 per violoncello solo sono composti nel 1865 dopo quindi i grandi concerti di Haydn e Schumann e richiedono un frequente uso del capotasto e dell’intera estensione della tastiera. Sono parte integrante del repertorio e programma di studio obbligatorio per gli studenti di violoncello moderno ma in realtà sono stati concepiti per uno strumento ancora di passaggio: Piatti infatti non utilizzava ancora il puntale e utilizzava un arco ancora di transizione verso l’arco moderno.

 

Joseph Marie Clemènt Dall’Abaco (1710 – 1805)
Capricci nn. 2, 3, 8, 10, 11

Carlo Graziani (? – 1787)
Capriccio a violoncello solo
Allegro ma senza timore

Alfredo Piatti (1822 – 1901)
dai 12 Capricci per violoncello solo op.25 (1865)
n. 7 Maestoso

Catherine Jones
violoncello solo

………………………..

 

Les Inconnus

Catherine Jones – cello
Jane Gower – bassoon
William Carter – baroque guitar, archlute

 

Antonio Vivaldi (1678-1741
Sonata in a minor, RV.43, for cello and basso continuo
Largo – Allegro – Largo – Allegro
[11′]

Jean-Philippe Rameau (1683-1764
Suite de danses, for two bass instruments (arr. Anon)
Les Sauvages – La Fustemberg – Tambourin

[10′]

Joseph Bodin de Boismortier (1691-1765?)
Sonata in d minor, Op.50, no.4 for Bassoon and basso continuo
Andante – Allegro – Sarabanda – Giga

[11′]

Gaspar Sanz (1640-1710)
Suite for solo guitar
Prelude – Jacaras – Canarios – Clarinos

[8′]

Jean-Baptiste Barrière (1707-1747)
Sonata for cello and basso continuo, livre 3, nr.4
Andante – Allegro – Adagio – Allegro
[12′]